Slow Food, cicloturismo «Molti tratti scollegati»