Mantova, catturato dalla Polizia lo "spacciatore invisibile"

Controlli di polizia ai giardini Nuvolari a Mantova

Cambiava le modalità di consegna, i luoghi e gli orari della distribuzione per non farsi incastrare. E per due anni è riuscito a sfuggire alle forze dell'ordine

MANTOVA. Arrestato dalla squadra mobile di Mantova l’uomo invisibile dello spaccio in città. Per due anni è stato in grado di sfuggire ai controlli della polizia, cambiando modalità di consegna, luoghi di cessione e orari. È un nordafricano di trent’anni e abita a Colle Aperto.

Di lui sono state fornite soltanto le iniziali: K.K.. È considerato un elemento di spicco per lo spaccio di cocaina e hashish. È stato incastrato dalle numerosissime testimonianze dei suoi clienti, meticolosamente raccolte dagli investigatori della Mobile.

La lunga e complessa attività investigativa ha consentito di acquisire numerosi elementi di colpevolezza nei confronti del nordafricano tanto da poterlo ritenere responsabile dello spaccio di notevoli quantità di droga negli ultimi due anni.


L’uomo era riuscito ad attuare accorgimenti pianificati nel dettaglio in modo ossessivo, nel tentativo, a lungo riuscito, di eludere le forze dell'ordine. Una professionalità che ha indotto gli investigatori a ipotizzare il reato di spaccio continuato. L’uomo è stato colpito da ordinanza cautelare in carcere chiesta dalla procura e accolta dal giudice per le indagini preliminari.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ecco chi sono i 7 mantovani eletti in Parlamento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi