Sos personale in ospedale: nei reparti mancano almeno 50 medici

E' sempre più pesante la carenza d'organico nelle strutture sanitarie dell'Asst. E per il momento i budget sono bloccati per una revisione. L'assessore regionale Gallera: "Il problema sono i limiti fissati dai tetti nazionali e la scarsa partecipazione dei professionisti ai concorsi"

MANTOVA. La carenza di personale negli ospedali è una «croce» – come l’ha definita ieri l’assessore regionale Giulio Gallera – che da tempo tutte le strutture sanitarie italiane si caricano sulle spalle.

Da un lato le risorse che scarseggiano, dall’altro la continua caccia ai camici bianchi che faticano a partecipare ai concorsi pubblici perché le scuole di specializzazione sfornano sempre meno professionisti. E così si scopre che nei tre ospedali dell’Asst – Poma, Pieve di Coriano e Asola – mancano almeno 50 medici, più o meno uno-due ogni reparto.

Nei giorni scorsi l’Asst ha assunto 18 infermieri e 7 Oss a tempo indeterminato, ma non bastano. E per questo i vertici del Poma sono andati più volte a Milano per chiedere una rimodulazione del budget 2019. Qui, però, hanno saputo che nel frattempo tutti i budget sono stati bloccati, congelati probabilmente fin dopo l’estate per un ricalcolo. L’Asst aveva subito un taglio nel 2017 di circa un milione e mezzo di euro. E la situazione è rimasta invariata nel 2018 e nelle previsioni del 2019. A conti fatti all’Asst servirebbe almeno un milione di euro in più, ma la risposta all’accorato appello non è ancora arrivata.

«Il problema – fa sapere l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, lunedì al Poma per inaugurare l'acceleratore lineare della Radioterapia – è quello dei limiti alla possibilità di assegnare risorse a causa dei tetti nazionali, che adesso forse saranno modificati ma ancora non sappiamo come e quanto. Certo l’autonomia ci consentirebbe di gestire i nostri 18 miliardi e 500milioni come meglio vogliamo».

Meno problemi, invece, nelle assunzioni per sostituzione, vale a dire nell’arrivo di nuovi camici bianchi al posto dei pensionati in uscita per anzianità o quota cento. Ma per coprire il deficit negli organici occorre attendere la risposta della Regione. Discorso a parte per il comparto infermieristico, dove la possibilità di spostare risorse dagli interinali al personale a tempo indeterminato potrebbe favorire nuovi ingressi. Per finire il concorso per 14 posti da operatore socio sanitario: nei giorni scorsi sono arrivate le prime 7 assunzioni, che però riguardano solo i riservisti (ex forze armate) che per legge godono della priorità. La direzione del Poma ha fatto sapere che le altre 7 saranno formalizzate nel giro di un anno e mezzo a scorrimento della graduatoria, a meno che altre Asst vogliano attingere dall’elenco.
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'inaugurazione della Casa di Comunità di Goito con Fontana e Moratti

La guida allo shopping del Gruppo Gedi