Gli oratori del Viadanese saranno unificati: attività solo in una struttura

La decisone è stata presa dal vescovo Napolioni dopo la sperimentazione: «Questa dovrà sempre più essere una comunità parrocchiale unica» 

VIADANA. Il vescovo di Cremona Antonio Napolioni ha incontrato venerdì sera i consigli pastorale e affari economici unitari delle parrocchie viadanesi. Durante l’incontro sono state affrontate alcune questioni: in primis la futura gestione degli oratori cittadini e l’imminente attivazione della “Casa dei talenti” (nuova sede Caritas). . La riunione si è tenuta proprio nei nuovi spazi (ex banca Cariplo, largo De Gasperi). La riflessione del presule è stata preceduta dalle relazioni del parroco don Antonio Censori e del vicario don Piergiorgio Tizzi. Questi hanno fatto il punto sulla situazione della parrocchia: una sorta di bilancio in un momento di cambiamento, in quanto nei prossimi mesi tre dei sacerdoti attualmente in servizio in città saranno chiamati a nuovi incarichi in altre località, e al loro posto ne subentreranno due nuovi.

A luglio inizierà il trasloco della Caritas dall’attuale sede provvisoria in piazzale Baroni a quella definitiva presso la “Casa dei talenti”. I nuovi spazi occupano una superficie complessiva di 640 metri quadrati e consentiranno di gestire con maggiore agio le attività caritative (distribuzione pacchi alimentari, raccolta e redistribuzione abiti usati, colloqui di orientamento e sostegno per famiglie in difficoltà).


La sede - arredata in parte coi mobili “ereditati” dalla banca, e i parte con altri donati da aziende locali - potrà essere abbellita con uno spazio bimbi e un angolo lettura. «Questo spazio - nota don Censori - punta a diventare un vero e proprio luogo di incontro e accoglienza».

Si dovrà costruire un progetto di gestione che ne sfrutti e valorizzi le opportunità: sala conferenze da 150 posti, spazio per feste, uffici per riunioni di associazioni e altri gruppi, eccetera. Per quanto riguarda gli oratori, si è fatto il punto dopo il primo anno di attivazione del progetto che ne prevedeva la suddivisione non più sulla base della residenza (in passato i ragazzi venivano indirizzati al centro giovanile più vicino a casa), bensì sulla base dell’età (quest’anno l’oratorio di Castello è stato riservato ai bambini, e quello di San Pietro agli adolescenti).

Per il futuro, si dovranno valutare alcune evidenze: la frequenza in generale è calata, i costi di gestione di due strutture sono pesanti, il numero degli adulti volontari per l’assistenza è insufficiente e l’anno prossimo la direzione sarà affidata a un solo sacerdote.

«Il vescovo - riassume don Censori - ci ha pertanto dato un’indicazione precisa: concentrare le attività oratoriane su una sola delle due strutture. L’altra dovrà restare a disposizione per altre attività pastorali». Monsignor Napolioni ha chiarito che Viadana dovrà sempre più diventare una comunità parrocchiale unica, capace di lavorare insieme seppur nel rispetto delle identità.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi