Lavoratori in nero, chiusi due ristoranti e una discoteca

Blitz sabato sera della Guardia di Finanza nei tre locali dell'Alto Mantovano. Metà dei dipendenti controllati non era in regola

MANTOVA. Lavoratori con contratti parziali oppure completamente in nero. Per questa ragione la Tenenza della Guardia di Finanza di Castiglione delle Stiviere ha disposto la chiusura di ben tre attività: due ristoranti e una discoteca all’aperto, nella zona compresa tra Asola, Castel Goffredo e Goito.. Il blitz è scattato sabato sera. Gli uomini della Tenenza sono entrati nei locali ed hanno cominciato a verificare numero e posizioni di tutti i dipendenti.

In tutto sono stati identificati venti lavoratori dipendenti di diverse nazionalità: la metà erano irregolari dal punto di vista contrattuale. Due assunti con contratti parziali e altri otto completamente in nero.


Si tratta di addetti alla sicurezza, cioè buttafuori, dj, fotografi, camerieri e cuochi. Personale utilizzato perlopiù nei periodi estivi, magari solo per alcune serate o nei weekend. Molti di questi infatti erano studenti che avevano appena terminato la scuola e avevano accettato un lavoretto da cameriere o dj per pagarsi magari una vacanza.

I finanzieri, in borghese, si sono finti clienti e con discrezione sono entrati nei vari locali.

Nella discoteca, piena di ragazzi, sono entrati i due uomini più giovani della Tenenza, che si sono confusi tra i tanti ragazzi che ballavano o bevevano ai tavoli. Hanno controllato il numero dei dipendenti e i vari incarichi loro assegnati, poi sono andati a chiederne conto ai titolari.

Nel frattempo, i colleghi facevano lo stesso lavoro nei due ristoranti.

In ognuna delle attività controllate, alla fine delle ispezioni è risultato che il 20 per cento dei lavoratori prestava servizio in nero. Con questa percentuale sul totale degli assunti, la legge prevede la chiusura temporanea dell’attività, disposta dall’Ispettorato del lavoro di Mantova. Il provvedimento potrà decadere solo quando i gestori avranno regolarizzato le proprie posizioni.

Oltre alla chiusura, tutti e tre i locali sono stati multati. In tutto sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 30mila euro.

«Il lavoro dei militari di Castiglione delle Stiviere si inquadra all’interno del piano di attività mirate alla ricerca ed al contrasto del lavoro sommerso, volto ad arginare fenomeni illeciti di utilizzo e sfruttamento di manodopera a danno dei contribuenti che operano rispettando le leggi» scrive il comandante della Guardia di Finanza.

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi