Il primario del118: «Vanno tutti registrati, così possiamo mapparli»