Elettricità dai generatori a Castiglione delle Stiviere: un disagio lungo un mese

Danneggiata la cabina dell'Enel in via Ceratelli: scatta il piano d’emergenza. I residenti protestano: i motori fanno rumore, emettono gas e danno fastidio

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Tre generatori a cherosene sono stati installati in un quartiere di località Campasso e Palazzina. I tre macchinari sono necessari per fornire l'elettricità alle case che sono rimaste senza corrente elettrica a seguito del danno subito da una grande cabina dell'Enel in via Ceratelli. Le lamentele dei cittadini montano nel momento in cui, in queste ore, è stato loro comunicato che ci vorrà circa un mese per ripristinare la cabina che fornisce corrente all'intero quartiere. Il tutto nasce a seguito di alcuni lavori eseguiti nello scorso fine settimana in un'area privata di via Ceratelli.

Venerdì 28 giugno una ditta sta procedendo con dei lavori di demolizione di un capannone. Da quanto si apprende dai cartelli affissi sulle reti del cantiere, si demolisce l'immobile per avviare su quell'area una nuova lottizzazione. La ditta che esegue i lavori, così raccontano i testimoni, danneggia involontariamente la grande cabina in muratura che si trova all'angolo dell'area dove si sta procedendo con la demolizione del capannone. Il black out della zona di via Ceratelli e di via Isabella d'Este è immediato. Si tratta di due vie densamente popolate dove ci sono villette a schiera.

Subito ci si attiva (chi ha danneggiato la cabina e i cittadini) e si chiama l'Enel. L'intervento del gestore è immediato e i tecnici intervengono prontamente. «Sono arrivati subito, poco dopo la nostra chiamata. Hanno lavorato fino all'una di notte di sabato, sono stati fantastici - commentano tutti - e il blackout totale è durato solo un'ora». Tuttavia, la prontezza dell'intervento non manca di evidenziare che il danno è importante. Bisogna installare tre generatori per ridare l'energia a tutte le case delle due vie.

Sabato arrivano i tre gruppi elettrogeni a cherosene che vengono installati due in via Ceratelli e uno in via Isabella d'Este, vicino a un parcheggio pubblico (ed è anche l'unico la cui rete di sicurezza ha un buco nel quale ci si potrebbe intrufolare e arrivare al generatore). I residenti sperano ancora che quella sia una soluzione momentanea, di qualche giorno insomma, ma la brutta notizia arriva quando lunedì qualcuno chiama in Comune. Gli uffici sono informati su quanto è accaduto e spiegano ai residenti che il danno è grave e il ripristino non sarà immediato. «Hanno detto circa un mese - spiegano i residenti - Dobbiamo tenerci questi tre motori che fanno rumore ed emettono gas di scarico che puzzano, e danno fastidio. Senza contare che ci sono sbalzi di elettricità continui, soprattutto nelle ore di punta. Un bel disagio».

Luca Cremonesi
 

Video del giorno

Assemblea alla Canottieri Mincio: c'è il quorum, il circolo verso la salvezza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi