Soldi a Palazzo Ducale a Mantova: serviranno per il restauro

Il ministro Bonisoli ha approvato la distribuzione del fondo tutela 2015. Alla Reggia dei Gonzaga arriveranno 1 milione 100mila euro in due anni

MANTOVA. Due milioni per il patrimonio storico-artistico del Mantovano. È la cifra stanziata dal ministero per i beni e le attività culturali per l’anno in corso e per il 2020. I fondi sono quelli previsti dalla legge di bilancio 2015 voluta dal Governo Renzi e, per tutta l’Italia, ammontano a 180 milioni (che finanzieranno 595 interventi), di cui quasi 10 solo per Lombardia (da utilizzare per 25 progetti).

Nella terra di Virgilio a ringraziare è soprattutto Palazzo Ducale, destinatario di 1 milione 100mila euro, la maggior parte dei quali da spendere l’anno prossimo per il restauro della facciata e del portico che danno su piazza Sordello, biglietto da visita di Mantova di fronte ai turisti.


I dettagli degli stanziamenti si trovano nelle schede allegate al comunicato pubblicato martedì 9 luglio sul sito del ministero e approvate dal ministro Alberto Bonisoli. E così, alla Reggia dei Gonzaga sono stati destinati 500mila euro per quest’anno che serviranno per il consolidamento, il risanamento, il restauro e il ripristino del cortile di Corte nuova; nel 2020 arriveranno altri 600mila euro che saranno utilizzati per il consolidamento, il restauro della facciata, del portico e del voltone d’ingresso a piazza Castello. Il direttore Peter Assmann preferisce essere cauto: «Non so niente e attendo eventuali conferme».

Non è solo il Ducale a sorridere per i soldi promessi. Circa mezzo milione di euro (per l’esattezza 454.680 euro) finanzieranno quest’anno il progetto della sovrintendenza di manutenzione straordinaria e restauro di Porta Giulia a Cittadella. L’anno prossimo, invece, arriveranno 423.260 euro ad Asola per lo scavo archeologico di terramare, i resti del villaggio dell’età del bronzo ritrovato nei pressi di Castelnuovo.

«Un’attenzione al patrimonio che necessita di interventi di tutela che è frutto di un puntuale lavoro di ricognizione sui territori, attraverso il coinvolgimento di tutti gli istituti periferici del ministero»: così il ministro Bonisoli, originario di Castel D’Ario, ha definito il programma biennale del suo ministero e la distribuzione del fondo tutela. «Tra le priorità- ha aggiunto - ci sono non solo il restauro dei beni culturali, in particolare quelli colpiti da calamità naturali; il recupero di aree paesaggistiche degradate, la prevenzione contro i rischi sistemici e ambientali, ma anche l’efficientamento energetico e il miglioramento dell’accessibilità, intesa come obiettivo per la partecipazione e l’inclusione sociale».

Da notare che il 2015 è stato il primo anno del Ducale come uno dei venti musei autonomi voluti dall’allora ministero per i beni culturali Dario Franceschini. Dal novembre di quell’anno a guidarlo è Assmann che lascerà l’incarico in ottobre. Con sè porterà la soddisfazione di aver incrementato i visitatori da 200mila a 300mila, con un picco di 370mila. Anche se nel 2018 i biglietti staccati hanno visto un calo del 7,26% rispetto all’anno precedente.

I primi mesi di quest’anno hanno dato incoraggianti segnali di ripresa, con un più 30% di visitatori. Poi il maltempo di primavera ha causato una flessione, rientrata ultimamente. Adesso si veleggia stabili con il 20% di turisti in più rispetto all’anno scorso che si aggirano per le magnifiche sale della Reggia alla scoperta di capolavori che solo lì si possono ammirare.
 

Video del giorno

Bimba di sei anni cade da una giostrina al parco di Porto Mantovano

La guida allo shopping del Gruppo Gedi