In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Fratelli d’Italia rilancia Maccari e si prepara per Mantova 2020

L’ex assessore regionale torna in politica dopo 6 anni: «Porto la mia esperienza». Beduschi: «Noi partito in carne e ossa, per la città presto un tavolo con gli alleati»

Matteo Sbarbada
1 minuto di lettura

MANTOVA. Un radicamento sul territorio con l’apertura di sedi e circoli e la proposta di un tavolo agli alleati di centrodestra per lavorare al candidato per le comunali in città del prossimo anno. Obiettivi che Fratelli d’Italia perseguirà con un ritorno importante, quello di Carlo Maccari. L’ex assessore regionale, figura di spicco della politica mantovana nel decennio scorso, tornerà a occupare un ruolo operativo dopo sei anni di assenza.

Come annunciato dal portavoce provinciale Alessandro Beduschi, sarà coordinatore del consiglio direttivo. «Ritorno in questa casa nata alcuni anni anche grazie al mio contributo – spiega Maccari – Metterò la mia esperienza al servizio del partito in modo da permettere un suo maggiore radicamento. Beduschi resterà al timone. Diciamo che io non starò più sulla sponda ad osservare ma salirò a bordo». Tra gli incarichi istituzionali, Maccari è stato due volte sindaco di Guidizzolo, consigliere provinciale, due volte consigliere regionale e assessore regionale con deleghe alla semplificazione normativa e amministrativa, alla digitalizzazione e ai servizi pubblici verso Expo 2015 dal 2010. Presidente provinciale di Alleanza nazionale dal 2002 al 2009, è stato in seguito coordinatore provinciale del Pdl. Dopo aver aderito a Fratelli d’Italia nel 2013, ha abbandonato un ruolo di primo piano nella politica attiva per dedicarsi al lavoro. Ora il ritorno, con il mirino puntato su Mantova 2020.

«Non dobbiamo pensare ai risultati delle elezioni politiche – prosegue – Non sempre una coalizione con numeri importanti porta risultati equivalenti. Le logiche sono diverse. Per questo credo sia giusto muoversi già da settembre, costruendo un tavolo con gli alleati dove discutere e ascoltare la società civile». Sul candidato del centrodestra per la città, il portavoce provinciale Beduschi dice no a «autoreferenzialità o scelte calate dall’alto, come candidature espresse da segreterie regionali o nazionali. Giusto parlarne a un tavolo ascoltando anche le voci della città». Sempre Beduschi ha annunciato una serie di iniziative che dovranno portare ad un radicamento del partito nel territorio. A breve verrà aperta una sede a Mantova. L’obiettivo è di creare almeno 7-8 circoli nel territorio. Uno, Roncoferraro-Villimpenta-Castel d’Ario, è già attivo, Bagnolo San Vito-Borgo Virgilio-Curtatone, nascerà nelle prossime settimane.

«Inizia una nuova fase per Fratelli d’Italia – spiega l’ex sindaco di Borgo Virgilio – Vogliamo un partito in carne e ossa, non etereo. In molti ci daranno una mano. Non solo Maccari, anche l’assessore comunale di Castel Goffredo Paola Mancini e altri amministratori». All’incontro di ieri all’hotel Cristallo era presente anche il consigliere regionale Barbara Mazzali, mentre la senatrice Isabella Rauti è intervenuta telefonicamente. In platea gli amministratori locali del partito.
 

I commenti dei lettori