In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mantova, cresce il polo Rossetto a Valdaro: pronto per fine anno il maxi centro logistico

Prende forma l’hub per scatolame e surgelati del gruppo alimentare veronese. E come compensazione ambientale dovrà realizzare 10mila metri di bosco

Monica Viviani
1 minuto di lettura

MANTOVA. Prende forma il polo logistico che il gruppo veronese Rossetto sta realizzando a Mantova Nord su un’area di 400mila metri quadrati nella zona di Valdaro. Iniziati lo scorso settembre i lavori sembrano procedere a ritmo serrato e il completamento è previsto per la fine dell’anno.

Un investimento di circa 25 milioni di euro, di cui 8 per l’acquisto dell’area dove sorgerà il nuovo centro logistico che darà lavoro a 80 persone. Come si legge sul sito di Sicrea Group, società a cui è stata affidata la realizzazione del centro di distribuzione, il nuovo magazzino si svilupperà su una superficie di 70mila metri quadri, con un silos automatizzato alto 30 metri, dove verranno stoccati fino a 70mila pallet. Lo stabilimento sarà dedicato allo scatolame e ai prodotti a lunga conservazione, ma darà dotato anche di 10mila celle destinate ai surgelati, dotate di seimila posti pallet.

La piattaforma logistica in costruzione è formata da un corpo di fabbrica con struttura in capannone tradizionale per lo stoccaggio a temperatura ambiente. Ad essa si aggiungerà una struttura mista per lo stoccaggio a temperatura controllata (celle frigorifere), un silo autoportante completamente automatizzato ad uso deposito, e una palazzina a supporto delle attività del magazzino. L’edificio è dotato di spazi per il parcheggio dei dipendenti e dei mezzi pesanti.

Il progetto prevede una serie di spazi e servizi comuni quali gli impianti di distribuzione carburanti e di lavaggio autotreni privato, una centrale antincendio, reti tecnologiche e gruppi elettrogeni, cabine di ricezione di energia elettrica, impianti di trattamento acque. La palazzina uffici si svilupperà su tre piani fuori terra collegati tramite una scala interna oltre che da una scala di sicurezza esterna metallica. Nelle zone in cui saranno realizzati il magazzino di stoccaggio, il magazzino automatizzato e la palazzina uffici, è stato previsto il consolidamento del terreno di fondazione attraverso la tecnica Jet Grouting che consiste nell’iniezione nel terreno di uno o più fluidi ad altissima velocità.

Tra le opere di compensazione ambientale previste dalla Provincia di Mantova che ha escluso per l’opera la procedura di valutazione di impatto ambientale: la realizzazione di una fascia boscata di almeno 10.000 metri, piantumata con carpini bianchi con densità minima di mille piantine per ettaro oltre a una campagna di rilevamenti fonometrici da realizzare, sia in periodo diurno sia in quello notturno, entro il primo anno di attività della piattaforma logistica per verificare il rispetto dei limiti di legge.


 

I commenti dei lettori