Don Camillo nella Bassa: a settembre c’è il trenino

Don Camillo, o meglio Abdon Boni, che da oltre vent’anni interpreta in fiere ed eventi ufficiali il battagliero prete della saga guareschiana, è stato ospitato a Motteggiana da un gruppo di cittadini che da un anno si interessano al forte Noyon e che seguono passo a passo i lavori al cantiere allestito da Rfi nell’area della fortificazione

MOTTEGGIANA. Don Camillo, o meglio Abdon Boni, che da oltre vent’anni, per conto della Pro loco di Brescello interpreta in fiere ed eventi ufficiali il battagliero prete della saga guareschiana, è stato ospitato  a Motteggiana da un gruppo di cittadini che da un anno si interessano al forte Noyon e che seguono passo a passo i lavori al cantiere allestito da Rfi nell’area della fortificazione e che presto sarà “liberata” grazie ad un viadotto ferroviario del tratto della linea Modena-Verona, per permettere il futuro transito di carri merci pesanti.

Boni, insieme al vicepresidente della Pro loco Franco Padoa, sarà protagonista della rievocazione del trenino di don Camillo, già eseguita nel 1994, in programma in occasione di Festivaletteratura, al motto di “Signori in Lettura”. Il treno non partirà da Mantova ma da Suzzara perché la linea verrà interrotta dal 27 luglio al 25 agosto. «Sono preoccupato per la bella iniziativa che abbiamo in animo di organizzare a Brescello – ha detto Abdon-don Camillo – speriamo che i lavori possano finire nei tempi previsti così si potrà fare il trenino di don Camillo da Mantova».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi