Prestito di 100 milioni, la banca europea scommette su Gazoldo

La Bei premia il piano di sviluppo del gruppo Marcegaglia. Mirino su digitalizzazione ed efficientamento energetico

GAZOLDO DEGLI IPPOLITI. Un riconoscimento europeo al piano di sviluppo tecnologico di Marcegaglia. Il gruppo di Gazoldo degli Ippoliti ha sottoscritto con la Banca europea per gli investimenti (Bei) un contratto di finanziamento di 100 milioni di euro della durata di sette anni, finalizzato a coprire i costi per la digitalizzazione (56%) e per l’efficientamento energetico (44%) dei propri impianti produttivi, a sostegno dei programmi di espansione e di sviluppo delle sue attività industriali.

Si tratta di un’iniezione di fiducia – e di denaro – per avvicinarsi sempre più a un concetto di industria 4.0 che può competere sul mercato mondiale.


Il prestito, il primo concesso da Bei al gruppo metalsiderurgico mantovano e inserito nel quadro del Piano Juncker per gli investimenti europei (Efsi), servirà anche alla realizzazione di due centrali termiche e di alcuni impianti fotovoltaici per la produzione autonoma di energia elettrica e di calore, in grado di soddisfare per il 75% il suo fabbisogno interno, con una significativa riduzione dei costi e delle emissioni di gas serra nell’aria.

Quest’anno il gruppo Marcegaglia ha lanciato un piano di interventi per un ammontare di circa 600 milioni di euro, nei prossimi cinque anni destinati a potenziare le attività dei principali stabilimenti della sua filiera produttiva in Italia e all’estero.

«Il gruppo Marcegaglia è uno dei leader mondiali nel settore dell’acciaio, e con Emma Marcegaglia abbiamo avuto a lungo proficui rapporti a livello istituzionale quando ricopriva l’incarico di presidente di Confindustria. Sono quindi particolarmente orgoglioso di questa collaborazione che permette alla Bei di sostenere gli investimenti di un gruppo industriale che dimostra di essere al passo con i tempi, basando il proprio sviluppo futuro su digitalizzazione ed efficientamento energetico, pilastri dell’attività della Bei» ha commentato Dario Scannapieco, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti. Il finanziamento erogato dalla Bei servirà in via prioritaria per opere di rivoluzione tecnologica e di efficientamento energetico delle sedi Marcegaglia.
 

Video del giorno

Mantova, il saluto alla Mille Miglia

La guida allo shopping del Gruppo Gedi