Più giovane e green: la fiera delle Grazie prova a innovarsi

Il Comune arruola dieci ragazzi volontari per l’accoglienza. Impegno ecologista: eventi sul riciclo e borracce in alluminio

CURTATONE. In barba ai suoi 561 anni, la fiera delle Grazie si prepara a vivere una delle edizioni più giovani della sua storia. Le nuove generazioni e l’ambiente avranno, infatti, un ruolo da protagonisti nella festa più attesa dell’estate.. Per dare un taglio sbarazzino alla manifestazione ferragostana, il Comune di Curtatone ha dato il via alla ricerca di dieci giovani volontari, a cui verrà assegnato il compito di affiancare gli amministratori e i dipendenti del municipio, la Pro Loco ed il Centro Italiano Madonnari nella gestione dei tanti eventi in programma dal 14 al 18 agosto.

«I ragazzi e le ragazze che aderiranno all’iniziativa – spiega il consigliere comunale Mirko Contratti - avranno la possibilità di vivere la fiera da un altro punto di vista, impegnandosi dietro le quinte degli spettacoli e degli incontri letterari, nel backstage del 47esimo incontro nazionale dei Madonnari e nel campus destinato ad ospitare gli artisti del gessetto. Inoltre i volontari potranno guidare i turisti alla scoperta delle bellezze del borgo di Grazie e, nelle fasi finali del concorso, avranno il compito di facilitare lo scambio di informazioni tra la giuria e i tecnici incaricati di proiettare su maxischermo le foto delle opere premiate».


Per aderire all'iniziativa è necessario presentare domanda all’ufficio Informagiovani del municipio di Corte Spagnola. Possono candidarsi ragazzi e ragazze dai 16 anni in su. L’invito è rivolto non solo agli abitanti di Curtatone, ma anche ai residenti dei Comuni limitrofi.

«Se le adesioni dovessero superare il numero di posti disponibili, verranno accettati i primi dieci candidati - anticipa Contratti – A ciascuno di loro verrà chiesto di lavorare in fiera per almeno tre giorni su cinque, in turni giornalieri di circa cinque ore. In quanto volontari, non percepiranno un compenso, ma beneficeranno di una copertura assicurativa e dei buoni pasto».

Oltre a strizzare l’occhio alle nuove generazioni, la fiera cavalcherà anche l’onda ecologista, proponendo una serie di iniziative dedicate all’ambiente. Tra queste segnaliamo i laboratori sul riciclo dei rifiuti, che vedranno protagoniste Aprica e Tea, e gli stand informativi del Parco del Mincio e di Ersaf.

Per incentivare tutti i presenti a ridurre il consumo di bevande in bottiglia, dagli altoparlanti verrà diffuso l’invito ad usufruire delle cinque fontanelle pubbliche disseminate nel borgo. Inoltre saranno distribuite delle borracce in alluminio, con il logo della fiera. 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi