Il deposito sequestrato dalla Dda era stato gestito da un gruppo di cinesi

Preoccupazione del Comune: tanti i capannoni sfitti. Servono più controlli, ma anche occasioni per valorizzarli