Raffiche di vento e grandine: nubifragio spazza la provincia di Mantova

Decine di alberi abbattuti: pianta sfiora un’auto sul cavalcavia di via Nuvolari. Giù anche i pali della luce, le violente precipitazioni mandano in tilt le fognature. Circolazione dei treni sospesa per due ore tra Mantova e Castellucchio. Danni all'agricoltura per 400mila euro. La ciclabile Mantova-Peschiera interrotta in due punti a Soave per la caduta di grossi alberi

MANTOVA. La notte è piovuta improvvisa alle 4 del pomeriggio, giù da un cielo che da canna di fucile s’è fatto rapidamente nero pece. Una bufera che ha spazzato l’intera provincia da nord/ovest a sud/est, la coda della perturbazione sull’arco alpino che, soffiando aria fredda nel catino rovente della Pianura Padana, ha scatenato un inferno di acqua e vento. Quasi 37 i millimetri di pioggia caduti il 2 agosto in città in poco più di quaranta minuti – il grosso, trenta millimetri, concentrato in appena venti minuti – con un calo termico a picco, da 30 a 18 gradi. Settanta i chilometri orari raggiunti dalle raffiche di vento.
 
 
La bufera è passata lasciandosi dietro una lunga scia di allagamenti, alberi caduti e disagi per i pendolari in treno: la circolazione tra Mantova e Castellucchio è stata sospesa per due ore, dalle 17.45 alle 19.45, dopo che alcune scariche elettriche avevano mandato in tilt i passaggi a livello. Intanto Coldiretti stima in 400mila euro i danni all’agricoltura. Serata di superlavoro per i vigili del fuoco e le polizie locali del territorio.
 

Mantova colpita dalla furia d'acqua

 
 
Mantova e hinterland
In città la violenza del vento si è accanita sugli alberi, soprattutto al Parco di Belfiore, dove una ventina di piante di grande dimensioni – fra platani, querce e pioppi – è stata abbattuta, insieme a numerosi rami di notevoli dimensioni. Tanto che il sindaco ha deciso di chiudere l’intera area per ragioni di sicurezza, in attesa di una verifica più accurata. Problemi sono stati segnalati anche sul cavalcavia, dove un albero ha sfiorato un’auto in transito, nel quartiere di Due Pini, dove si è inclinato un grosso cedro, a Valletta Paiolo, dove una pianta è piombata sul monumento alla memoria di Salvo D’Acquisto, a due passi da piazzale Gramsci. 
 

Tempestivo l’intervento sia di Mantova Ambiente sia di Tea Acque, alle prese con diversi allagamenti. Sott’acqua anche via Nazario Sauro e piazza Virgiliana, dove la furia dell’acqua ha mandato in pressione alcuni tratti di fognatura. 

Il vento ha abbattuto un albero anche a Rodigo, sulla carreggiata di strada della Misericordia Parme, una via secondaria che si interseca con la provinciale Asolana. Per fortuna, in quel momento, non stava transitando alcun veicolo: sul posto sono accorsi il sindaco Gianni Grassi, gli agenti della polizia locale e i volontari della protezione civile, che hanno lavorato fino a sera per rimuovere la pianta e ripristinare la viabilità.

Maltempo sulla città, il sindaco Palazzi: "Siamo subito intervenuti"

Alto Mantovano
Disagi contenuti a Castiglione delle Stiviere, dove, al di là di qualche tombino esploso per la pressione in zona San Pietro, non si sono registrati particolari problemi: solo alcune strade allagate, pozzanghere nei parchi pubblici e alcune infiltrazioni nello stabile di via Ordanino dove sono ospitate alcune sedi di associazioni. Diversa, invece, la situazione a Guidizzolo e Medole, dove nelle frazioni confinanti di Rebecco e Cà Morino si sono verificati dei blackout. A Cavriana il vento e la pioggia non hanno fatto danni e la festa prevista in piazzale San Sebastiano si è potuta svolgere regolarmente. Agricoltura in ginocchio ma disagi limitati anche a Volta Mantovana, dove foglie, fango e detriti hanno ostruito le caditoie.
 
Un albero caduto ha interrotto la ciclabile da Soave a Peschiera
 
Viadanese
Qualche danno si è registrato tra Casaletto e frazioni nord. Alle Battelle (strada di campagna nei pressi di Bellaguarda), il vento ha piegato sulla via alcuni pali della luce. E a San Matteo una pianta è caduta in un fosso.
 
Basso Mantovano
Intensa grandinata su Villa Poma e Magnacavallo, meno violenta a Poggio Rusco. Il nubifragio ha però allagato tutte le strade, formando enormi pozzanghere anche lungo la statale 12. Sott’acqua anche alcune cantine e alcuni seminterrati. Blackout di un quarto d’ora nelle case di San Benedetto Po, dove il vento ha fatto volare via le transenne della fiera. Un albero è caduto anche a Pegognaga, in via Martiri di Belfiore.
La guida allo shopping del Gruppo Gedi