Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, sei mesi di violenze di genere: aumentano le richieste d’aiuto

Da sinistra la psicologa Cristina Ferrari con Claudia Forini del Centro Donne Mantova

Da gennaio a giugno 54 vittime si sono rivolte al Centro Donne. La maggioranza è italiana con figli: in cima ai maltrattamenti quello psicologico

MANTOVA. «Come pensi che possiamo aiutarti?». Con questa domanda il gruppo di lavoro del Centro antiviolenza della cooperativa Centro Donne Mantova accoglie chi è in fuga da uomini maltrattanti, come li definiscono in gergo. Partner padroni che manipolano, assoggettano, isolano. E, a giudicare dai numeri, il fenomeno è in crescita spinta: nel 2017 alle porte del Centro bussarono 69 donne, l’anno scorso furono 81, e nei primi sei mesi del 2019 il conto è già salito a 54.

La presidente del Centro, Claudia Forini, che è anche counselor, però suggerisce una lettura altra rispetto a quella dell’esplosione delle violenze: «Credo ci sia un’emersione del fenomeno, non un aumento dei casi.

Video del giorno

Il matrimonio di Paola Turci e Francesca Pascale: l'arrivo a Montalcino

La guida allo shopping del Gruppo Gedi