Conto salato per la bufera: ko il 20% di mais e viti, danni per un milione

Palestra scoperchiata a Gozzolina: servono centomila euro. Blackout e piante sradicate dal vento a Guidizzolo 

ALTO MANTOVANO. Si contano ancora una volta i danni nell'Alto Mantovano dopo il nuovo nubifragio di mercoledì sera (7 agosto). Cia Est Lombardia segnala come siano stati i vigneti e i campi di mais le coltivazioni più colpite. Una prima stima parla di danni compresi tra il 10 e il 20% del totale con un danno di un milione di euro nel comprensorio dell’Alto Mantovano.

Notevoli anche i danni agli edifici. La palestra della scuola di Gozzolina è stata scoperchiata e la lamiera è volata nel cortile. Nessun ferito e nessun problema alle abitazioni vicine, ma la conta dei danni - afferma il vicesindaco Andrea Dara - è sostenuta dalla volontà «di mettere tutto in ordine per il 12 settembre, data di aperture delle scuole. Lunedì vogliamo avviare i lavori. La scuola ha un'assicurazione, ed è un bene perché la prima stima è di circa 100mila euro di danni. C'è da rifare la copertura in lamiera e verificare che la pioggia caduta sul pavimento non si filtrata sotto e abbia danneggiato il campo rifatto di recente a seguito di un altro incidente, sempre estivo, accorso a questa struttura».


Per quanto riguarda il resto del paese, invece, tutto è stato sistemato «grazie all'intervento degli operai comunali che giovedì mattina hanno iniziato a lavorare alle cinque del mattino, dopo gli interventi d'urgenza di mercoledì sera, affiancati dagli uomini di Indecast». Rimosse le piante cadute in viale Maifreni, via Solferino, via Casino Pernestano; sono stati sollevati i pali della linea telefonica in via Roversino e chiuse le buche in via Croce Rossa. Ripristinati i cartelli stradali sradicati e asciugato il parcheggio dietro al Comune che si era allagato con 30 centimetri di acqua.

Sul fronte della prevenzione Dara ricorda che si prosegue «con la pulizia delle caditoie, cosa già in atto da alcune settimane, e abbiamo chiesto al Consorzio di verificare alcuni fossi e il percorso del torrente Riale nei due parchi, dato che ancora una volta l'esondazione di quel corso d'acqua ha allagato la zona del chiosco di parco Desenzani».

Per quanto riguarda Guidizzolo, la zona più colpita è via Tomasina. Tre grandi pini marittimi sono precipitati sulla strada. Giovedì 8 agosto le piante sono state tagliate, come è stato rimosso l'unico pino non caduto, ma ormai pericolante. Il forte vento, inoltre, ha sradicato una centralina della corrente e parte del paese è rimasta al buio tutta la notte di mercoledì.

Sempre l'8 agosto è stato installato un generatore «ma ci hanno garantito che a breve - spiega il sindaco Meneghelli - il servizio verrà ripristinato. Come Protezioni Civile siamo stati impegnati in tutti i Comuni delle colline e ringrazio i volontari per il lavoro fatto. Stiamo provvedendo a far richiesta di nuove pompe e di motoseghe da aggiungere al nostro parco mezzi. Dobbiamo essere preparati alle bombe d’acqua».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La top model Gisele Bündchen salva una tartaruga marina intrappolata in una rete e la libera in mare

La guida allo shopping del Gruppo Gedi