Ferito nello scontro: muore otto giorni dopo

MANTOVA. Niente funerali, per il momento. Il suo corpo è sotto sequestro, un magistrato della Procura vuole vederci chiaro. Perché Gianni Lain, 65enne pensionato residente a Mantova, è morto all’improvviso nel letto di un reparto del Poma a distanza di otto giorni dall’incidente stradale in scooter in cui era rimasto coinvolto? Questo il quesito a cui dovrà rispondere l’autopsia che la Procura fisserà in questi giorni.

Gianni Lain era rimasto coinvolto nell’incidente nel pomeriggio di venerdì 23 agosto. Un’auto l’aveva investito al rondò di Porta Pradella. Ne era uscito con una gamba rotta, di qui il ricovero in Ortopedia al Poma. Finché domenica all’alba è stato stroncato da un malore improvviso, sulla cui natura dovrà pronunciarsi l’anatomopatologo incaricato dalla Procura. —

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi