Asola, la testimonianza: «Una fitta e sono svenuto nell’auto lanciata ai 170»

Le prime parole a due settimane dal giorno in cui si schiantò con la sua Porsche: «Mi sono svegliato grazie a mia figlia e a mia moglie». Ora è in chirurgia