Nonnine a motore in passerella a Mantova: rombi di classe

Le vetture del quinto concorso d'eleganza Città di Mantova hanno accolto mantovani e turisti in una piazza Sordello baciata dal sole. L'evento, organizzato dal Club 8 volanti Tazio Nuvolari, ha visto la partecipazione dei maggiori collezionisti italiani. Ben 45 gli equipaggi presenti. Tra i pezzi più ammirati, una Fiat 1400 Berlina, ultima auto intestata aNivola

MANTOVA. Auto d'epoca da sogno in una location mozzafiato. Le vetture del quinto concorso d'eleganza Città di Mantova hanno accolto mantovani e turisti in una piazza Sordello baciata dal sole. L'evento, organizzato dal Club 8 volanti Tazio Nuvolari, ha visto la partecipazione dei maggiori collezionisti italiani.

Ben 45 gli equipaggi presenti. Tra i pezzi più ammirati, una Fiat 1400 Berlina, ultima auto intestata a Tazio Nuvolari, ora di proprietà dell'Associazione mantovana auto e moto storiche. E poi una Ferrari 357 con la quale corse e vinse molte gare il grande pilota spagnolo Alfonso De Portago, morto poi durante la Mille Miglia nel 1957 a Guidizzolo. In esposizione anche una Fiat 2800 Torpedo Ministeriale che ebbe come passeggeri gli allora arcivescovi Giovanni Battista Montini (Papa Paolo VI) e Angelo Giuseppe Roncalli (Papa Giovanni XXIII). Di un collezionista giapponese una Osca MT4 1450.

Le vetture hanno sfilato in due occasioni, nel pomeriggio e in serata, sulla rampa allestita per la partenza e l'arrivo del Gran Premio Nuvolari. In tarda serata si sono tenute le premiazioni. Altro momento molto apprezzato, la conferenza tenuta nella Sala delle Capriate in piazza Alberti dall'ingegner Leonardo Fioravanti.

Vero mito del design mondiale, Fioravanti ha progettato per la Pininfarina le più importanti Ferrari degli anni '70/'80/'90. Ha raccontato al pubblico i momenti più importanti della sua vita professionale, ora raccolti nel libro 'Il Cavallino nel cuore'. «Ho iniziato a disegnare a 7 anni – le sue parole –, amavo tutto quello che si muoveva in terra, in aria e in acqua. A 82 non ho ancora finito. Ho disegnato personalmente 11 Ferrari e ho seguito la creazione di altre 18. Enzo Ferrari mi notò e volle conoscermi perché una vettura da me disegnata batté le Ferrari ufficiali in una gara di velocità. Chi ama le auto resta sempre giovane. le macchine sono lo strumento di libertà personale più piacevole in assoluto».
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mantova-Renate, soddisfatto mister Lauro: "Buona prova dei miei"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi