Mps chiude la filiale: così Marcaria resta senza banche

Il sindaco Malatesta: «Impoverimento dei servizi, ma l'istituto è irremovibile. Puntiamo ad un accordo per un uso pubblico»

MARCARIA. Chiude l’ultima filiale bancaria rimasta nel capoluogo di Marcaria. La sede del Monte dei Paschi di Siena, in via Crispi, chiuderà i battenti a breve, l’indicazione è per la prima metà ottobre. Lunedì scorso (23 settembre), dopo che le voci in questo senso si erano diffuse in paese, il sindaco Carlo Alberto Malatesta e l’assessore alle attività produttive ed agli affari legali Enrico Lungarotti si sono recati nella sede centrale di Mantova.

«La Banca si è dimostrata irremovibile sulla chiusura, spiegando che si tratta di un provvedimento generale dovuto alla restrizione del numero delle filiali - riferisce il primo cittadino - Per noi si tratta di un colpo pesante alla dotazione di servizi del nostro territorio. Giudichiamo questa decisione sbagliata, ma si tratta di un operatore privato sul quale non possiamo più di tanto».

Nel territorio comunale resta una seconda filiale Mps, a Campitello, dove esiste anche uno sportello Unicredit. «I correntisti sono stati avvertiti solo telefonicamente - aggiunge Lungarotti - senza spiegare il motivo, ma dicendo di recarsi in filiale entro fine mese, pena l’inoperatività dei conti correnti. Alla fine hanno detto che il conto è trasferito a Campitello. Il capoluogo resta così scoperto da filiali bancarie e se è vero che l’ufficio postale è aperto sei giorni, nondimeno non può supplire a tutte le operazioni e nemmeno il personale postale è sufficiente per assorbire tutta la clientela Mps».

Per non lasciare nulla di intentato, il Comune ha lanciato a Mps una proposta. «Visto che l’edificio è di loro proprietà - conclude Malatesta - abbiamo chiesto che favoriscano, magari con la forma del comodato, il subentro di un'attività a fini pubblici o sociali che noi ci impegniamo a trovare».

Video del giorno

Mantova Pride festival: il brunch con le Salamandra Sisters

La guida allo shopping del Gruppo Gedi