Il Comune ha dichiarato l’emergenza climatica: e ora serve la svolta green

La proposta di Potere al Popolo è passata con un voto contrario e l’astensione Bordini (M5S). La maggioranza promette azioni per diminuire gli sprechi

SAN GIORGIO BIGARELLO. Il vento ambientalista soffia forte: lunedì 30 settembre, durante la seduta del consiglio comunale, il gruppo consiliare di “Potere al Popolo” ha presentato una mozione al fine di dichiarare lo stato di emergenza climatica per il comune; l’obiettivo è l’azzeramento delle emissioni locali nette di gas serra entro il 2030. La mozione, condivisa dalla lista di maggioranza “Insieme per San Giorgio Bigarello”, è stata approvata con i voti favorevoli di tutti i presenti, ad eccezione di un voto contrario (Giuliano Guastalla, centrodestra) e dell’«astensione benevola» del grillino Paolo Bordini: il consigliere condivide il contenuto del provvedimento, perché indirizzato alla tutela di salute, ambiente e cittadini; discutibile è però, secondo Bordini, il metodo: «riteniamo – spiega – che quando si tracciano le linee guida di un nuovo progetto sia utile, prima di portare la mozione in consiglio, discutere tutti assieme e non soltanto con alcuni gruppi». Pierluigi Luisi (PaP, promotore della mozione) esprime soddisfazione per l’approvazione: «Abbiamo voluto – racconta – che il nostro Comune desse l’esempio; tutto il territorio deve infatti fare scelte coerenti per contrastare il cambiamento climatico». Appoggia il vicesindaco e assessore all’Ambiente Barbara Chilesi: «Faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per fare la differenza».

La tutela dell’ambiente, sottolinea l’amministrazione Morselli tutta, è sempre stata tra le prerogative di “Insieme” e l’approvazione della mozione segue una serie di azioni già messe in campo dall’attuale amministrazione così come dalla precedente: tra le altre, realizzazione e gestione in proprio di impianti fotovoltaici, riqualificazione delle centrali termiche delle scuole, conversione al Led degli impianti di illuminazione pubblica. Numerosi anche gli interventi in programma per i prossimi anni: sostituzione nelle scuole e al palazzetto di tutti i corpi illuminanti con lampade a Led, realizzazione di nuovi tratti che vadano a completare il percorso della ciclabile Mantova-Foresta Carpaneta, appalto per lavori di efficientamento energetico degli edifici istituzionali. Nel 2020 l’amministrazione di San Giorgio Bigarello aderirà inoltre al Patto dei sindaci per il clima e l’energia e, contestualmente, presenterà un Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima (Paesc), con l’obiettivo di ridurre di almeno il 40% le emissioni di gas serra dell’ente entro il 2030: questo sarà, però, solo il punto di partenza e «darà una linea guida da seguire in questa direzione»; entro la fine di quest’anno, si impegna Chilesi, «verrà elaborato un piano d’azione che dovrà prevedere il dettaglio delle azioni in grado di ridurre le emissioni di una percentuale reale e attuabile entro il 2030, potenzialmente tendente allo zero emissivo netto».

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi