Altra notte insonne sulla ex statale Cisa, ma forse sarà l’ultima