«Decreto sulla formaldeide» Il M5S smuove il ministero

VIADANA. «Presto l’emanazione di un decreto sulla formaldeide»: la promessa è del Ministero dell’ambiente.

A sollecitarne l’impegno, un’interpellanza proposta dal deputato mantovano Alberto Zolezzi col collega reggiano Davide Zanichelli, entrambi del Movimento Cinque Stelle.


«Abbiamo chiesto interventi rapidi – spiegano i parlamentari – perché occorre aggiornare l’apparato tecnico-normativo e regolamentare le emissioni di formaldeide in atmosfera. Abbiamo chiesto inoltre maggior sostegno alla ricerca di sostituti della formaldeide nella produzione industriale di copolimeri, e quindi anche nel comparto del pannello».

Col loro intervento in aula, i deputati pentastellati hanno posto l’accento sulle problematiche legate all’utilizzo di questa materia prima: «La formaldeide è riconosciuta come sostanza cancerogena sin dal 2004, eppure è ancora largamente utilizzata in vari settori industriali. Nel distretto viadanese si produce oltre il 12 per cento della formaldeide europea; e in questo territorio recenti ricerche epidemiologiche hanno certificato l’esistenza di un danno cellulare precoce ed hanno anche evidenziato correlazioni tra esposizione a formaldeide e ricoveri per patologie dell’apparato respiratorio, soprattutto nei bambini e nelle fasce di popolazione più debole».

La ricerca è ancora in corso: «La sua evoluzione (studio Viadana3) potrà accelerare l’aggiornamento delle normative nazionali ed europee».

Per Zolezzi e Zanichelli, occorre adottare prima possibile iniziative per la riduzione del rischio: «Siamo pertanto soddisfatti della risposta del sottosegretario Roberto Morassut, che ha ribadito l’impegno tanto di velocizzare l’iter per un decreto ad hoc entro il 2020, quanto di sostenere la ricerca scientifica per le alternative». —

R.N.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATIR.N.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi