In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Futuro balneabile: come migliorare la qualità dei laghi di Mantova

Confermato il buono stato di salute del lago Superiore: è già entro i limiti previsti dalla legge

Giulia Biumi
1 minuto di lettura

MANTOVA. Le caratteristiche e i risultati delle attività di monitoraggio delle acque superficiali; i criteri per decidere la balneabilità di un corso d’acqua, le fonti di inquinamento delle acque e i fattori di rischio. E molto altro, compresa la particolare attenzione dedicata al lago Superiore, i cui valori sono risultati «ampiamente nei limiti». Si è tenuto al teatro Ariston il convegno “Balneabilità dei laghi di Mantova: riconnettiamo l’acqua al futuro della città” organizzato da Rotary club Mantova, Rotary club Mantova Castelli e Rotaract club Mantova.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Lago di Mantova ancora nei limiti: balneabilità più vicina]]

Tra gli ospiti l’assessore all’ambiente Andrea Murari, il presidente e il direttore dell’associazione Parco del Mincio Maurizio Pellizzer e Cinzia De Simone, Lorenza Galassi di Arpa Lombardia, Vito Bocelli di Ats Val Padana, Daniela Cavallo, docente dell’Università di Verona e Sofia Pasotto, attivista di Fridays For Future.

La salute dei laghi di Mantova? Accettabile. Lo dice una ricerca



Dopo i saluti di rito, via agli interventi. Ma anche a un breve filmato intitolato “Un delicato equilibrio”, attraverso cui sono state illustrate le attività del Parco del Mincio per quanto riguarda la riqualificazione fluviale, e gli interventi mirati di manutenzione e potenziamento. Un esempio è il progetto ancora in corso, “Ecopay Connect” che prevede la realizzazione di interventi nella riserva naturale Valli del Mincio, nel canale Osone. In particolare nella sponda destra verrà realizzata una struttura filtrante (sgrigliatore) che limiterà l’ingresso di materiale galleggiante e migliorerà la qualità complessiva delle acque.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Laghi balneabili: il sindaco di Mantova convoca il tavolo con gli enti]]

Spazio anche ad altri temi importanti come il rapporto tra la riqualificazione dei laghi e le prospettive per lo sviluppo economico della città e l’ambiente dal punto di vista delle nuove generazioni. «L’acqua è di tutti – ha commentato Pellizzer – per questo prenderci cura di questo bene estremamente prezioso è un compito collettivo da svolgere con impegno». 

 

I commenti dei lettori