L’acquisto è ovunque: ecco il consumatore a connessione no-stop

In sette anni il tempo di esposizione ai media è di 40’ in più. A guidare la classifica gli smartwatch e gli smartphone 

MANTOVA. Un consumatore sempre più connesso e alla ricerca di un rapporto personalizzato e non standardizzato con i brand.

Il desiderio da parte del cliente di un'esperienza d'acquisto unica che impone alle aziende un cambiamento importante. Di questo si è discusso al Connecthub Innovation Summit, ospitato ieri nel centro logistico di Connecthub. I dati, svelati da Paolo Baruta di Gfk Italia, azienda leader nel settore delle ricerche di mercato, tratteggiano una società in forte cambiamento. Dal 2011 al 2018 il tempo di esposizione ai media, in seguito al boom degli strumenti digitali, è cresciuto, in media, di 40' al giorno. Un aumento dovuto in massima parte agli smartphone, strumento che ha cambiato profondamente le esperienze d'acquisto, di fatto ora possibili sempre ed ovunque. «Non ha più senso parlare di canali – ha spiegato Simon Thun, fondatore di Connecthub e ideatore dell'evento – ma di omnicanalità. Un processo che sta costringendo le aziende a cambiare il loro modello di business. Un panorama complesso che rappresenta, però, anche una sfida. Il comportamento di acquisto delle persone e la relativa esperienza di vendita sono fluide, non devono incontrare barriere e ostacoli.


Ostacoli che il consumatore non riconosce perché vuole vivere un'esperienza unica e personalizzata». L’intensità di utilizzo dei canali digitali nel processo di shopping varia a seconda delle categorie.Sempre secondo la ricerca di Gkf sono gli strumenti tecnologici indossabili, come lo smartwatch, e gli smartphone a guidare la classifica. Il negozio-punto vendita mantiene un’importanza rilevante ma è ormai ibridato, visto che è arricchito dalla componente digitale. E anche i grandi centri commerciali mutano, con sempre maggiori spazi destinati alla creatività e all'offerta ricreativa. L’evento è stato realizzato in collaborazione con Largo Consumo e ha visto la partecipazione di oltre 300 persone, in massima parte in rappresentanza di aziende. Sul palco si sono alternati manager di importanti realtà come Lanieri.com, GrandVision, Thun, Cisalfa Sport, Unieuro e Supermercato24. Hanno raccontato loro esperienza e si sono confrontati sull'omni-commerce, concordando nel riconoscere l'unicità dell'esperienza come vero valore per il consumatore.


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi