Mantova, nuovi corsi di studio in arrivo: il Virgilio punta sull’economia

Alcuni istituti superiori hanno chiesto il via libera per indirizzi didattici aggiuntivi. La Provincia frena il Classico: «È un duplicato». Il Vinci si specializza sull’acqua. Lo Strozzi spera su meccatronica

MANTOVA. Un indirizzo di studio giuridico-economico al liceo Classico Virgilio; uno in gestione delle acque e risanamento ambientale al Vinci (che fa parte del polo professionale con il Bonomi Mazzolari); un indirizzo in meccatronica al tecnico agrario Strozzi. Sono le proposte presentate dalle scuole (assieme ad altre per la formazione professionale) alla Provincia, che nei prossimi giorni licenzierà il piano dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2020-2021. Sarà poi la Regione a dare il via libera definitivo (o la bocciatura) al piano.

Va detto subito che, anche se non sono ancora state prese delle decisioni da parte della Provincia, su parte delle proposte avanzate dalle scuole superiori sono state sollevate alcune perplessità.

Virgilio

Il liceo vorrebbe avere un indirizzo specializzato in materie giuridiche ed economiche. Il Virgilio ha da anni un fortunato indirizzo linguistico. «È stato osservato – spiega Francesca Zaltieri, consigliere provinciale delegato alla materia – che c’è il rischio di creare un doppione. Un liceo con un indirizzo economico c’è già in città, il D’Este. Ovviamente mi consulterò con il presidente Morselli (il piano è un decreto firmato dal presidente, ndr.). La duplicazione forse non è necessaria».



Vinci

Il professionale industriale chiede l’istituzione di un indirizzo che si occuperà di formare i ragazzi per la gestione delle acque: dalle bonifiche alla più generale organizzazione dei sistemi idrici. «Si tratta di un corso di studio effettivamente inedito – spiega la Zaltieri – e prevede la collaborazione, tra gli altri, di Ats, Arpa, consorzi e parco del Mincio. È interessante, ma dobbiamo attendere la validazione da parte della Regione».



Strozzi (Palidano)

Il tecnico agrario chiede l’istituzione di un indirizzo in meccanica, meccatronica e energia, ovviamente legato al mondo della produzione agricola e degli allevamenti. «Non c’è un problema di duplicazione – spiega la Zaltieri – ma vogliamo essere certi che vi sia la disponibilità di laboratori adeguatamente attrezzati. Vogliamo approfondire l’argomento con i Comuni della zona e con Confindustria, che si è espressa favorevolmente».



Formazione professionale

L’Enaip (formazione professionale regionale) chiede un corso per operatori informatici, che dovrebbe ottenere l’ok. Positiva anche la valutazione per l’istituzione di un corso di formazione in operatore per l’abbigliamento e dei prodotti tessili per la casa del Bonomi Mazzolari. 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi