In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Laurea honoris causa al cavalier Bondioli: artigiano che ha creato l’impero della meccanica

Suzzara. Il riconoscimento sarà il primo conferito a Mantova. A 90 anni sempre in azienda. Con i valori saldi della impresa

1 minuto di lettura

SUZZARA.  L'università degli studi di Modena e Reggio Emilia conferirà la Laurea Magistrale honoris causa in Ingegneria Meccanica all'imprenditore Edi Bondioli, fondatore di una realtà industriale, leader nel settore delle macchine agricole, che oggi occupa oltre 1.700 persone ed è presente in tutto il mondo con 14 unità produttive e 13 filiali commerciali.

La cerimonia di consegna del titolo accademico, approvato dal Miur che ha accolto la decisione unanime del Senato Accademico di Unimore assunta il 17 maggio, e che sarà il primo ad essere conferito direttamente a Mantova, si terrà martedì, alle 10.30, alla Fum-Fondazione Università di via Scarsellini. L'evento verrà aperto dal Rettore Angelo O. Andrisano. Le motivazioni che hanno portato ad assegnare a Bondioli la Laurea Honoris Causa, da parte del Dipartimento di Ingegneria 'Enzo Ferrarì, verranno riassunte dal suo direttore Massimo Borghi, mentre la prolusione di presentazione del laureando sarà affidata a Francesco Pellicano, che ripercorrerà la sua carriera ed il suo contributo.

Quindi il Magnifico Rettore consegnerà il Tocco, il Sigillo dell'Ateneo ed il Diploma di Laurea al nuovo dottore Edi Bondioli, che pronuncerà la sua lectio magistralis. . Già da ieri sono state numerose le attestazioni di stima e di soddisfazione per il traguardo raggiunto. Edi Bondioli, 90 anni, che ancora oggi è tutti i giorni in azienda è stato nominato Cavaliere del Lavoro nel 1996. Nato in una famiglia artigiana, il padre Vittorio era falegname che gli trasmise il Dna dell’imprenditorialità, nel 1950 crea con un socio, Giovanni Pavesi, la Bondioli&Pavesi. Non abbandonando mai lo spirito di imprenditore dai valori saldi, che ha sempre difeso i suoi dipendenti «Siamo convinti che non bisogna mai prendersela con gli operai, ma con quelli che stanno sopra, perché sbaglia chi dà gli ordini» disse una volta. Amato dai suoi dirigenti martedì festeggerà un traguardo che lo premia per tutto quello che ha saputo dare al mondo dell’impresa.

I commenti dei lettori