Infortunio sul lavoro nel Mantovano: schiacciato dalla lastra di marmo ora è fuori pericolo

L'operaio di 50 anni era stato trasportato in elicottero all’ospedale di Cremona. L'incidente in una ditta a Cizzolo di Viadana: sequestrata l’area

MANTOVA. Migliorano le condizioni dell'operaio cinquantenne rimasto schiacciato da una lastra di marmo di diverse tonnellate, il 25 ottobre a Cizzolo di Viadana. Trasportato in eliambulanza all’ospedale di Cremona, e ricoverato nel reparto di Rianimazione, il 26 ottobre l'uomo è stato svegliato dal coma farmacologico.

L'infortunio era accaduto poco prima delle 15.30, all’interno di una ditta che lavora il marmo: le lastre erano appoggiate a una spalliera che le teneva in equilibrio. In quel momento c'era la necessità di spostarne una, che è stata agganciata a una gru per essere sollevata. L’operaio si trovava tra due lastre, una delle quali, nel momento in cui l'altra era stata spostata, era caduta piombando sulle sue gambe. Un trauma che in un primo momento era apparso gravissimo. L’operaio aveva perso conoscenza e subito era scattato l’allarme. Sul posto erano arrivate l’ambulanza di Guastalla, l’auto medica di Cremona e subito dopo, viste le sue condizioni, l’elicottero di Brescia che lo avrebbe trasportato all’ospedale di Cremona.

L’infortunato è un cinquantenne di origini indiane, Kaul Amrick, 54 anni, residente a Carpi, in provincia di Modena, in viale Nicolò Biondo. L’uomo è stato identificato dalla polizia locale di Viadana. I funzionari della medicina del lavoro hanno sequestrato l’area per poter comprendere la dinamica dell’infortunio ed effettuare accertamenti.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Metropolis/6, Molinari: "Se Salvini si fa kingmaker perdiamo stabilità dell'ultimo anno"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi