Mantova, Frecciargento confermato: il collegamento sarà più veloce

Dal 15 dicembre con l’orario invernale il treno non fermerà più ad Arezzo. Colaninno e Utp: «Ottima notizia, ma i mantovani devono sfruttarlo»

«Ci sarà ancora o dovremo rassegnarci a viaggiare di nuovo a singhiozzo dalla periferia dell’impero?». Si rinnova a ogni cambio d’orario l’ansia sul destino del Frecciargento, tornato ad allacciare Mantova a Roma nel 2016, dopo un buco largo 13 anni. La buona notizia è che il collegamento figura anche nell’orario invernale (dal 15 dicembre). Notizia ancora ufficiosa, ma già accolta con sollievo dalle associazioni di pendolari. E non solo.



«Sono soddisfatto che Trenitalia abbia voluto ancora una volta confermare il Frecciargento Mantova-Roma – scandisce il deputato Matteo Colaninno (Italia viva) – Ne approfitto per ringraziare Trenitalia perché continua a offrire questa grande opportunità per Mantova. Mi auguro che sempre più mantovani scelgano di viaggiare sul Frecciargento perché il servizio posso essere garantito anche per il futuro». Augurio, questo di Colaninno, che traduce la preoccupazione per la sostenibilità economica: le Frecce sono treni a mercato, i cui costi sono coperti con la vendita dei biglietti. Ecco perché lo scorso giugno Trenitalia decise di cancellare le corse del sabato sera (da Roma) e della domenica mattina (da Mantova). Non ci viaggiava abbastanza gente. Corse già ripristinate a settembre e mantenute con l’orario invernale, che casserà la fermata di Arezzo rimodulando gli orari: l’andata da Mantova sarà alle 6, con arrivo alle 9.35; il ritorno da Roma alle 19.25, con arrivo alle 23.03.



«La conferma del Frecciargento è una buona notizia per Mantova, che non resta isolata – commenta Andrea Bertolini dell’associazione Utp – Vero è che per Trenitalia l’introito è ridotto e si naviga a vista, il Frecciargento è confermato di sei mesi in sei mesi. La speranza è che la gente ci viaggi sempre più spesso». Perché la Freccia arrivi a bersaglio.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi