eQual e Ciliegi bocciano le modifiche proposte

«L’inceneritore non autorizzato ora è sacrificabile per "barattare” con gli enti locali contrari il raddoppio della produzione, ma nessuno dimentica cartaccia, abusi edilizi e indagini della magistratura»