Scia infinita di incidenti: è emergenza strade

Mercoledì nero, quello del 27 novembre, per le strade dell’Asolano e di Castel Goffredo. Nel tardo pomeriggio c’è stato l’incidente sull’Asolana con una cisterna di gas rovesciata (la strada è stata riaperta al traffico nella tarda mattinata di giovedì), mentre in serata  le buche sulla provinciale fra Medole e Castel Goffredo hanno portato a un tamponamento fra utilitarie

ALTO MANTOVANO. Mercoledì nero per le strade dell’Asolano e di Castel Goffredo. Nel tardo pomeriggio c’è stato l’incidente sull’Asolana con una cisterna di gas rovesciata (la strada è stata riaperta al traffico nella tarda mattinata di giovedì), mentre in serata - verso le 19 - le buche sulla provinciale fra Medole e Castel Goffredo hanno portato a un tamponamento fra utilitarie. La situazione strade, insomma, sta diventando sempre più pericolosa in quest’area. La Sp8, nel tratto dopo la rotonda della Fulgar (una delle grandi ditte di Castel Goffredo) è distrutta. Le buche ormai non vengono più coperte perché l'asfalto continua a saltare. Il rischio di incidenti è altissimo.

La strada alternativa che collega Castel Goffredo a Casalmoro è stata di recente asfaltata, ma manca la segnaletica orizzontale. L’asfalto è scivoloso e l’assenza delle strisce crea problemi agli automobilisti. La situazione, insomma, è davvero pericolosa fra Castel Goffredo e Asola, come d’altronde fra Castiglione delle Stiviere e Medole, la Sp10. Le buche sono ormai aperte e si fatica a chiuderle perché la pioggia continua a cadere e non c’è modo di far asciugare l’asfalto che salta e si accumula poi ai bordi della strada.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Dalla Germania a Mantova pedalando sulle velomobili

La guida allo shopping del Gruppo Gedi