E' primario del pronto soccorso da 18 anni, tra due mesi Luppi andrà in pensione

Tra i direttori più longevi del Carlo Poma. Già pronto il successore incaricato: arriva dall'ospedale di Asola

MANTOVA. L’anno nuovo porterà altre novità nell’area dell’emergenza urgenza del Poma. Il primario Mario Luppi, alla guida della struttura complessa di pronto soccorso da quasi diciotto anni, nei primi mesi del 2020 andrà in pensione. Al suo posto, come incaricato in attesa del concorso, in ambiente ospedaliero si fa il nome del dottor Massimo Amato, attuale primario al pronto soccorso di Asola. Luppi, mantovano, si è laureato in medicina all'Università di Bologna nel 1978. Ha successivamente ottenuto tre specializzazioni: Oncologia medica e Malattie infettive all'Università di Modena e Anestesia e rianimazione all'Università di Verona.

Luppi ha esercitato a Mantova come medico di base dal 1979 al 1986. È poi entrato al Poma per occuparsi della gestione delle emergenze mediche nel territorio e del pronto soccorso. È diventato primario della struttura complessa nel marzo del 2002 prendendo il posto del suo predecessore Dante Melara. Negli anni del suo mandato, durante il quale è diventato anche direttore del dipartimento di Emergenza Urgenza, incarico che ricopre tuttora, ha dovuto riorganizzare parecchie volte il reparto in conseguenza dell’incremento costante degli accessi, oggi arrivati a oltre 50mila all’anno.

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi