In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Crollano i calcinacci, chiusa al pubblico una parte del cimitero

Il distacco di intonaco durante la notte: l’area è transennata. All’ala più vecchia urgono manutenzioni ma l’iter è lungo

Giorgio Pinotti
1 minuto di lettura

POGGIO RUSCO. Alcune parti di un controsoffitto di un portico sono crollate nel cimitero di Poggio Rusco. Il fatto è avvenuto di notte e quindi, per fortuna, non ci sono state conseguenze per le persone. L’area è stata transennata e interdetta ai visitatori.

Si tratta di un portico che si trova nella parte vecchia del cimitero. La struttura ha ceduto in alcuni punti e diversi calcinacci sono caduti a terra, aprendo dei buchi nella volta. L’episodio risale alla notte fra Natale e Santo Stefano: dalle ore successive l’area è stata messa in sicurezza con alcune transenne che impediscono a chiunque di accedere alla zona dove sono caduti i calcinacci, e dove probabilmente il controsoffitto risulta pericolante.

«Fortunatamente il crollo è avvenuto in un momento in cui cimitero era chiuso – commenta un cittadino che visita spesso quella zona in quanto vicino si trova la tomba di un parente – è stato corso un bel rischio, se il cimitero fosse stato aperto e il crollo fosse avvenuto di giorno, qualcuno avrebbe potuto anche farsi del male».

La struttura presenta carenze di manutenzione e anche le abbondanti piogge delle scorse settimane hanno contribuito a deteriorare il controsoffitto, provocando il distaccamento di alcune porzioni di intonaco. È ipotizzabile, inoltre, che proprio alcune infiltrazioni d’acqua siano state la causa principale dell’accaduto.

Adesso occorrerà intervenire per sanare la situazione. La parte del cimitero in cui è avvenuto il crollo è quella costruita da più tempo e ci sono alcuni problemi alle strutture.

Il Comune ha già in programma di intervenire sul cimitero da diverso tempo. Ma l’iter burocratico propedeutico all’intervento non si è ancora concluso. I lavori serviranno proprio a consolidare la parte più vecchia e si dovrebbero concentrare sulle coperture, in particolare. Ma visto il recente crollo di questi giorni sarà probabilmente necessario un rapido intervento tampone.
 

I commenti dei lettori