Danneggiato il presepe: i carabinieri denunciano due ragazzi minorenni

La statua di Bambin Gesù fatta a pezzi 

SAN BENEDETTO PONella serata di domenica 29 dicembre, i militari della locale stazione carabinieri, sono intervenuti  nell'abbazia del Polirone in quanto alcuni cittadini, che si trovavano vicino all’ingresso di un bar vicino alla basilica, avevano notato un gruppetto di ragazzi adolescenti che, dopo essere entrati all’interno della chiesa, dove i componenti dell’Associazione “Amici della Basilica” avevano allestito per le festività natalizie il tradizionale presepio, avevano preso la statuetta del Bambin Gesù e con un gesto repentino la lanciavano sul tetto della capanna.

Immediatamente rimproverati dai cittadini, senza alcun timore e senza dare spiegazioni del gesto compiuto, i ragazzini si sono poi allontanati dalla chiesa per entrare nel bar.

Uno dei cittadini che aveva assistito alla scena, ha segnalato l’episodio ai carabinieri di San Benedetto e questi, hanno iniziato subito, sui pochi indizi raccolti ad indagare sull’episodio, divenuto ormai di dominio pubblico, tantè che la notizia avendo già fatto il giro del paese aveva suscitato profondo sdegno e rammarico nell’animo dei fedeli.

Il giorno dopo, una pattuglia degli stessi militari ha trovato poi poco distante alla basilica la statua del Bambin Gesù smembrata, ovvero senza braccia e gambe, con il busto e la testa appesi ad un palo di ferro nell’angolo opposto alla piazza.  Non c'è voluto molto ai carabinieri per arrivare ad individuare i responsabili,  quattro ragazzi di 16 anni, di origine marocchina, nati in Italia, di religione islamica che, dopo alcune esitazioni hanno confessato il misfatto. Due di loro, gli esecutori materiali, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia per vilipendio alla religione cattolica e danneggiamenti.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi