In 400 alla festa di Sant' Antonio: benedetti trattori e animali

Una vera festa a Medole in occasione di una tradizione - la benedizioni di trattori e animali per sant’Antonio Abate - che si è rinnovata e ha portato in piazza e a tavola quasi 400 persone.

MEDOLE. Una vera festa a Medole in occasione di una tradizione - la benedizioni di trattori e animali per sant’Antonio Abate - che si è rinnovata e ha portato in piazza e a tavola quasi 400 persone. Una mattina che sulla carta si prevedeva piovosa e che invece è stata caratterizzata dall’aria fresca, dalle montagne innevate sullo sfondo, e da un sole che si alternava e che ha spinto le persone a ritrovarsi alle 9.30 davanti all’ingresso del parco pubblico. L’assembramento dei trattori degli agricoltori è composto e c’è in molti la voglia di trovarsi e di stare insieme. Lo dimostra la compattezza di chi, in queste settimane, «ha lavorato unito e collaborativo per la riuscita dell’evento» racconta Loris Gatti, vice presidente dell’Associazione Medole Eventi che ha organizzato la giornata. «Un risultato importante, in passato mai si era arrivati a questo numero di presenze, il doppio - a quanto risulta - rispetto agli altri anni». Oltre ai potenti mezzi contemporanei, facevano bella mostra in corteo anche alcuni mezzi d’epoca - i mitici Landini Testa Calda - che sono poi stati messi anche davanti alla palestra, il luogo dove si è svolto il pranzo. Dopo la benedizione dei mezzi - al termine della messa delle 10 - il gruppo si è infatti ritrovato nella palestra. Qui si sono sedute a tavola circa 400 persone. In molti si erano prenotati nei giorni scorsi ma il coinvolgimento che l’Associazione e il Comune guidato dal sindaco Mauro Morandi - presente a tutti le fasi della giornata con la giunta - hanno saputo creare ha fatto crescere il numero dei partecipanti. Il clima di festa ha accompagnato tutto il pranzo e il lungo pomeriggio.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi