Altri 860mila euro per la Bassa del terremoto

Alloggi, strade e beni culturali. Cinque ordinanze a favore di Gonzaga, Borgocarbonara, San Giovanni del Dosso e Bagnolo

MANTOVA. Arrivano nuovi fondi per la ricostruzione successiva al terremoto del maggio del 2012. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in qualità di commissario delegato per l’emergenza sisma e ricostruzione, ha firmato cinque ordinanze, per un valore di 865mila euro, che sono state pubblicate sempre ieri sul Bollettino ufficiale della Regione (Burl). A beneficiare di questi contributi sono quattro Comuni. .Iniziamo da Gonzaga. L’ordinanza numero 532 stanzia 217mila euro per il progetto integrativo relativo ai lavori di manutenzione straordinaria, restauro e consolidamento del fabbricato di piazza IV Novembre a Bondeno.

L’ex asilo ospita oggi quattro alloggi comunali a destinazione sociale. I fondi servono per interventi ulteriori rispetto a quelli già svolti, legati al valore storico dell’edificio e resi necessari a seguito delle richieste arrivate dalla Sovrintendenza. Il progetto rientra nel più ampio contesto del recupero degli immobili pubblici danneggiati dal sisma.


E spostiamoci a Bagnolo San Vito, per la precisione nella frazione di Campione. Qui c’è l’oratorio di Santa Margherita di Cortona, dalla facciata settecentesca, che si trova all’interno della corte denominata “Palazzone”, e che aspettava di essere messo in sicurezza. Ebbene, ora sono in arrivo 187mila euro.

Tale contributo arriva in base al capitolo di spesa relativo al recupero dei beni culturali danneggiati dal sisma (ordinanza n. 533).

Quindi andiamo nel Destra Secchia.

Per la precisione a Borgocarbonara, che risulta beneficiaria di fondi stanziati da due diverse ordinanze, la 534 e la 535. In totale 204.339 euro: 157mila euro destinati al recupero dell’edificio, di fronte all’ex municipio, sede della Pro Loco di Borgofranco, e i restanti finalizzari alla ristrutturazione di un alloggio con sottotetto, sempre di Borgofranco.

Infine, il paese di San Giovanni del Dosso. Con l’ordinanza 536 arrivano 256mila euro per ripristinare i danni indiretti causati alle strade comunali nei mesi successivi al terremoto quando.

Con la villa Arrigona lesionata e pericoli di crollo lungo la provinciale Virgiliana, il traffico pesante venne deviato a lungo sulle strade comunali, che ne risultarono deteriorate.

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, quinta votazione a Montecitorio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi