Si ferisce mentre taglia l’imballo delle calze: un dito quasi amputato

Era al lavoro con un utensile per il taglio delle confezioni destinate alle calze. Ma qualcosa è andato storto e la mano sinistra è entrata a contatto con la lama. La donna, una 45enne che abita a Ceresara, ha avuto un profondo taglio alla mano sinistra

CANNETO SULL'OGLIO. Era al lavoro con un utensile per il taglio delle confezioni destinate alle calze. Ma qualcosa è andato storto e la mano sinistra è entrata a contatto con la lama. La donna, una 45enne che abita a Ceresara, ha avuto un profondo taglio alla mano sinistra. Tanto da procurarle l’amputazione quasi completa del dito indice della mano sinistra.

Sono intervenuti i carabinieri di Acquanegra e un’ambulanza del 118  nel laboratorio della Lucentini, società di intermediazione nei settori lito-cartotecnica, etichette adesive, imballaggi ed espositori che da quasi sei anni ha anche un settore di produzione, dedicato a cartoncini e confezioni. L’infortunata è stata avviata all’ospedale di Cremona per essere operata alla mano e recuperare l’uso dell’ultima falange del dito ferito.  L’infortunio è accaduto poco prima delle 16 del 24 gennaio nel laboratorio della ditta, in via delle Industrie, periferia nord del paese. Riguardo alle circostanze, restano al momento materia d’indagine per i carabinieri, e soprattutto per gli ispettori della medicina del lavoro. A questi ultimi, che hanno eseguito un sopralluogo in ditta, spetterà il compito di capire se la donna ferita abbia commesso un errore o se per quel tipo di lavorazione non fossero sufficienti le misure di sicurezza.
 

Video del giorno

Mantova, il saluto alla Mille Miglia

La guida allo shopping del Gruppo Gedi