Casa famiglia abusiva: procedura di chiusura e 10mila euro di multa

Ispezione dei Nas nella struttura per anziani di piazza Giotto a San Giorgio. Non ha alcune autorizzazioni del consorzio del piano di zona

SAN GIORGIO BIGARELLO. Da chiudere, perché sprovvista delle autorizzazioni necessarie a svolgere le prestazioni offerte. Così la Casa famiglia San Giorgio, in piazza Giotto a San Giorgio Bigarello, viene definita al termine di un’ispezione condotta dai carabinieri del Nucleo antisofisticazione e sanità (Nas) di Cremona insieme con i militari della stazione locale dell’Arma.

Undici le persone che risultavano alloggiate nella struttura al momento dell’ispezione, tutte curate – va precisato – dal personale in servizio. Il rilievo mosso dai carabinieri, dunque, non riguarda le condizioni igienico-sanitarie.

L’irregolarità nella quale sono inciampati i militari, invece, è esclusivamente di tipo amministrativo.

Il soggetto privato che gestisce la struttura non avrebbe mai richiesto le autorizzazioni necessarie al Consorzio progetto solidarietà, responsabile del piano di zona del distretto di Mantova. In pratica, alcune delle prestazioni non rientrerebbero nell’oggetto sociale dell’attività.

Di quali prestazioni si tratta? Provvedimenti simili sono stati adottati in caso di somministrazione di farmaci ad opera di personale non qualificato in tal senso. A titolo d’esempio.

Che fisionomia ha e quali servizi offre la struttura che ha sede in piazza Giotto?

«La Casa-famiglia San Giorgio è una struttura socio-assistenziale di tipo residenziale, non sanitaria – si legge sul sito internet dedicato – che offre ospitalità permanente o temporanea a carattere familiare a persone anziane autosufficienti e parzialmente non autosufficienti».

«A seguito del controllo sono state irrogate sanzioni amministrative pari a complessivi diecimila euro per mancanza dei requisiti minimi per l’esercizio di unità di offerta sociale» informano invece i carabinieri, che riferisce dell’attivazione della procedura di chiusura.

Interpellati direttamente al telefono dalla Gazzetta, i responsabili della Casa famiglia San Giorgio confermano che l’ispezione dei carabinieri è avvenuta nei giorni scorsi, ma assicurano anche di non saperne nulla del provvedimento di chiusura. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Elezioni 2022: i 9 mantovani aspiranti candidati per l'alleanza Sinistra italiana-Europa verde

La guida allo shopping del Gruppo Gedi