In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Nuovo crollo all’ex Opg, cede un pezzo di tetto

Nel pomeriggio di lunedì 2 marzo il boato è stato udito da molte persone. L’area dell’Aler da anni attende il via ai lavori di riqualificazione

Luca Cremonesi
1 minuto di lettura

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Nuovo crollo nel grande comparto urbano che fu la sede del manicomio criminale di via Ordanino di Castiglione delle Stiviere. I tetti di alcune palazzine che attendono i lavori di recupero da parte di Aler, sono collassati e in molti hanno sentito il rumore del crollo. . Nel pomeriggio di lunedì 2 marzo - così raccontano alcuni testimoni - erano da poco passate le 16 quando «abbiamo sentito un grande boato e visto del fumo alzarsi». I testimoni sono tutti all'interno del parcheggio e cortile del complesso Patrizio, un’area commerciale i cui accessi sono da piazza san Luigi e da via Ordanino, proprio accanto all’ex manicomio.

Dopo il crollo gli abitanti hanno chiamato gli uffici comunali ed è scattata l’emergenza. L'area è da tempo circondata da lamiere ed è impossibile accedervi. All’interno, dunque, non ci sono abitanti, l’area è abbandonata dalla fine degli anni ’90, e non ci dovrebbero essere feriti. Il condizionale però è d’obbligo perché in passato alcune persone erano state trovate all’interno della struttura, dove bivaccavano. Tuttavia, in questi ultimi anni l’immobile è divenuto sempre più fatiscente e pericolante. Le alte lamiere che la circondano sono difficili da superare.

L’area era da tempo già danneggiata e il tetto di quella lunga palazzina, che s’affaccia anche sulla via che conduce alla palazzina dell’ex Asl, dove hanno sede alcune associazioni, era già seriamente compromesso. Il nuovo crollo non fa che allargare la breccia nei tetti, facendo entrare pioggia e aumentando così le possibilità di nuovi cedimenti.

Tutto questo avviene mentre si attende il via dei lavori previsti per il recupero dell’area di proprietà dell'Aler, un progetto impegnativo che dovrebbe ridisegnare il volto del centro storico del paese. A breve, e cioè dopo il consiglio comunale dedicato al bilancio di previsione, ci sarà una seduta pubblica - quasi sicuramente a fine marzo - durante la quale il Comune presenterà alla cittadinanza il progetto che si intende realizzare all'interno di quel maxi comparto urbano. A quel punto, si dovrebbe essere in dirittura d'arrivo per aprire il cantiere e iniziare i lavori che procederanno per lotti. All’interno di quella vasta area verranno realizzati parcheggi, due nuove vie che snelliranno il traffico, abitazioni e spazi commerciali. Un progetto di riqualificazione urbana chiamato a rilanciare il centro storico del comune morenico. 

I commenti dei lettori