Decreto in ritardo, uffici pubblici nel caos

Protestano i sindaci contro il premier che non ha indicato per tempo le attività che da mercoledi devono rimanere aperte