Dopo Redondesco, Mariana regala protezioni ai cittadini

In entrambi i casi sono state prodotte da aziende di Castel Goffredo

REDONDESCO-MARIANA. «La priorità di ogni amministrazione deve essere la salute pubblica, a maggior ragione in questo momento in cui dobbiamo impegnarci tutti per sconfiggere l'epidemia da Coronavirus. È importante capire che l'utilizzo delle mascherine serve a proteggere noi stessi e gli altri, troppi comportamenti scorretti sono sotto gli occhi di tutti». Inizia così la lettera arrivata in tutte le case di Redondesco insieme a una dotazione di mascherine per ogni cittadino. La firma è del sindaco Massimo Facchinelli.

Nonostante non si tratti di un presidio medico certificato, le mascherine sono in tessuto idrorepellente fluorofree che impedisce alla saliva di penetrare o fuoriuscire. È realizzato in filato poliammidico batteriostatico in grado di inibire o limitare la replicazione batterica. Si possono lavare e usare per un mese. Sono state prodotte da un'azienda di Castel Goffredo che le ha vendute al Comune di Redondesco a prezzo calmierato.

Anche il Comune di Mariana martedì ha cominciato la distribuzione gratuita porta a porta, tramite un proprio dipendente, delle mascherine a tutti i cittadini residenti. Parte delle mascherine è stata donata da Sisam, parte acquistata dal Comune da un calzificio di Castel Goffredo. «Mascherine non omologate con marchio Ce, che non si trovano più - spiega il sindaco Davide Ferrari - ma che sono comunque idrorepellenti, lavabili e utilizzabili più volte. Ringrazio Sisam per il contributo . Insieme alle mascherine abbiamo allegato il decalogo di come comportarsi in questa emergenza. Devo dire però, da quello che ho saputo dalla polizia locale, che i nostri cittadini sono bravi, si stanno comportando in modo corretto e responsabile. Li invito a non abbassare la guardia». 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi