Raccolta fondi della comunità islamica: oltre 23mila euro per l'ospedale di Mantova

«Siamo orgogliosi di poter contribuire perché in questo momento dobbiamo essere uniti più che mai»

MANTOVA. Sono oltre 23mila euro (23.500 per la precisione) i fondi raccolti a Mantova e provincia dalle comunità islamiche destinati all’azienda ospedalieria Poma. Nel solo capoluogo sono stati raccolti ben 11mila euro.

«Si tratta di una raccolta fondi per l’emergenza Covid-19 – spiega il mediatore culturale Hamadi Ben Mansour – vogliamo, con questo gesto, ringraziare tutti quelli che stanno facendo fronte all’emergenza in prima linea, in particolare medici, infermieri, volontari, Protezione civile, Polizia, Carabinieri, Vigili del fuoco e Polizia locale e tutti gli enti e le istituzioni impegnati in questa battaglia. Vogliamo anche ringraziare chi sta a casa e tutti coloro che stanno dando il massimo per far fronte a questa emergenza. Da parte nostra abbiamo anche donato il sangue. Trenta persone della nostra comunità sono andate all’Avis. Lo abbiamo fatto perché avevamo letto l’appello dell’associazione circa la necessità di raccogliere sangue».

«Siamo orgogliosi di poter contribuire a nome della comunità islamica di Mantova – afferma Ben Mansour a proposito dei fondi destinati al Poma – perché in questo momento dobbiamo essere uniti più che mai». Anche in provincia le comunità islamiche hanno raccolto fondi: 3.000 a Viadana, 1.000 a Ostiglia, 2.500 a Sermide, 1.000 a Poggio Rusco, 2.000 a Dragoncello, 1.000 a Suzzara e 2.000 a Castiglione.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Italian Tech Week 2022, a Torino le idee che migliorano il futuro

La guida allo shopping del Gruppo Gedi