Niente domiciliari per il boss, Grande Aracri resta in cella

Respinta la richiesta dei difensori che puntavano al rischio contagio in carcere. Ma il capo della cosca di Cutro è in regime di isolamento: nessun pericolo Covid