In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mascherine e guanti: così ha riaperto il tribunale di Mantova

Ingressi contingentati in via Poma. Udienze filtro tutte in orario con tempo limite di un quarto d’ora. Processi non urgenti tutti rinviati

1 minuto di lettura

MANTOVA. Ingressi contingentati, controllo della temperatura corporea, mascherine e guanti per tutti, e distanza di sicurezza. Se il tribunale di Mantova il 12 maggio ha ripreso ufficialmente l’attività, le norme igienico-sanitarie necessarie per il contenimento della pandemia hanno ridisegnato tempi e spazi. Con un imperativo categorico: evitare tutti i contatti ravvicinati che possono mettere a rischio la sicurezza di tutti, dai magistrati, agli avvocati, agli imputati e del personale.

Le disposizioni del presidente della sezione penale Enzo Rosina hanno concretizzato le norme generali che stabiliscono restringimenti dell’attività fino a luglio: per questi tre mesi potranno tenersi solo udienze con imputati sottoposti a misure cautelari, quelle giunte alla discussione finale e le udienze filtro. Per queste ultime deve essere fissato un orario preciso, per evitare gli assembramenti davanti alle aule, con uno stacco di un quarto d’ora l’una dall’altra. Su questo fronte è filato tutto liscio e non ci sono stati ritardi. Affidato al personale di guardia all’ingresso il compito di verificare l’orario di convocazione. Le udienze di convalida dell’arresto, i processi per direttissima, gli interrogatori di garanzia davanti al Gip, si svolgono in videoconferenza.

Tutti i procedimenti con imputati a piede libero sia in fase di udienza preliminare che in fase processuale, fissati fino al 31 luglio, vengono rinviati.

Tutte le udienze sono a porte chiuse. All’interno delle aule obbligatori guanti e mascherine, solo queste ultime per i testimoni. Ferrea anche la regola di mantenere la distanza di almeno due metri.

In questi giorni si stanno predisponendo gli strumenti per misurare la temperatura corporea: finora ai dipendenti è stata chiesta un’autocertificazione.

Dall'11 maggio è consentito l’ingresso ai giornalisti: uno per ogni testata, potranno accedere alle aule protetti da mascherine e guanti e rispettando il distanziamento di due metri.


 

I commenti dei lettori