Mantova, i camper per ora si spostano: nuova area nel distributore

Soluzione temporanea per i turisti in arrivo, i parcheggi gratuiti ma non attrezzati Volpi: «Aprire Sparafucile costa, meglio vedere prima quale sarà la richiesta»

MANTOVA. Si riparte dopo il lockdown, ma qualche attività resta ancora al palo. È il caso dell’area di sosta dei camper a Sparafucile gestita da Aster per conto del Comune di Mantova.

Il turismo fa ancora fatica a decollare e, con esso, tutto l’indotto a cui va iscritto a pieno titolo il campo di sosta attrezzato sotto la Rocca. L’anno scorso aveva viaggiato a pieno regime registrando 7.780 mezzi in sosta, il 15% in più rispetto all’anno precedente, con un incasso di 149.127 euro. Quest’anno ci si preparava a ripetere, se non a migliorare quegli ottimi numeri, e invece è arrivata la mazzata del coronavirus.

«Fino a che il turismo interregionale non riparte la nostra area è destinata a restare chiusa – afferma il presidente di Aster Michele Chiodarelli – Se poi a giugno dovessero essere consentiti gli spostamenti tra regioni allora potrebbero esserci buone prospettive per riaprire». Il termine a cui si guarda con fiducia è quello del 3 giungo quando cadrà anche la barriera invisibile dei divieti che dall’inizio di marzo impediscono di spostarsi da una regione all’altra, anche se confinanti. In vista di quella scadenza Aster si sta attrezzando per prepararsi alla riapertura. Non aiuta, però, l’incertezza sulle misure di sicurezza igienico-sanitarie da adottare per garantire operatori e turisti, che si è protratta per lungo tempo. Nel frattempo, Aster ha messo in atto il piano B per dare comunque un servizio a quei turisti interessati a venire a Mantova con il loro camper approfittando della liberalizzazione degli spostamenti all’interno della Lombardia in atto da lunedì.

«Puntiamo ad allestire un’area sosta non attrezzata e libera nei pressi di quella di Sparafucile – spiega il direttore di Aster Ildebrando Volpi – Abbiamo individuato già la zona, un’area attigua al distributore Boninsegna che si trova in via Legnaghese e a cui si accede solo dal lato destro provenendo dalla rotatoria della Favorita grazie al nuovo ingresso realizzato da qualche tempo. Prendendo l’ingresso per il distributore si entra direttamente nell’area di sosta che si trova vicino. Qui ricaveremo 30-35 piazzole in cui collocare quei camperisti isolati che volessero fermarsi a Mantova in questo periodo di chiusura dell’area attrezzata». Questa settimana dovrebbero iniziare i lavori che non richiederanno ingenti investimenti e nemmeno tempi lunghi: l’area, infatti, è già spianata (negli anno scorsi era stata utilizzata come valvola di sfogo per i periodi di grande affluenza turistica), si tratterà solo di ripulirla dalla sterpaglie e di verificare la cartellonistica. Naturalmente, non essendo un’area attrezzata la sosta sarà gratuita.

«L’obiettivo – dice Volpi – è di essere pronti per questo fine settimana per essere in grado di dare una riposta immediata ad eventuali camperisti che dovessero arrivare in città. Se ci sarà una domanda elevata, vedremo di aprire Sparafucile dopo aver sanificato e adottato le misure di sicurezza sanitaria richieste. Certo, visti gli elevati costi di gestione prima dobbiamo verificare se affluenza riuscirà a coprirli». L’area di Sparafucile offre 54 piazzole tutte videosorvegliate e dotate di allacci acqua ed energia elettrica, con servizi igienici e docce centralizzati. —
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La festa in centro a Mantova per lo scudetto del Milan

La guida allo shopping del Gruppo Gedi