Disco verde per tutti gli ambulanti: sui banchi non più solo alimentari

Il sindaco firma l’ordinanza sui mercati: lungo l’elenco degli obblighi per garantire il distanziamento

MANTOVA. Via libera ai mercati all’aperto, anche quelli rionali, e agli ambulanti tutti, senza più la limitazione della vendita esclusiva dei generi alimentari. In sintonia con l’ultima ordinanza regionale, la decisione del sindaco Mattia Palazzi aggiunge un’altra tessera al mosaico della normalità, che Mantova sta cercando di ricomporre in forme nuove dopo i due mesi d’isolamento e rarefazione sociale. Una normalità altra rispetto alla quotidianità prima del virus, ma comunque un ritorno a una dimensione collettiva, pur distanziati e “mascherati”. Guai ad abbassare la guardia, soprattutto adesso, con l’accelerazione delle riaperture, in bilico sui pedali dell’economia da rimettere in moto e della pandemia da tenere a freno.

Il via libera a mercati e ambulanti è quindi vincolato a una serie di misure che l’“ordinanza contingibile ed urgente” di Palazzi mette in fila. Ecco quelle di carattere generale: mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale; accessi regolamentati e scaglionati in funzione degli spazi disponibili, differenziando, dove possibile, i percorsi di entrata e di uscita; ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani (in particolare accanto ai sistemi di pagamento); impiego dei guanti usa e getta nelle attività di acquisto, particolarmente per alimenti e bevande; utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori sia dei clienti.


Fondamentale l’informazione rispetto ai comportamenti corretti da osservare, attraverso cartelli in lingua italiana e inglese da posizionare all’accesso dei mercati.

Dal canto loro, i titolari di posteggio dovranno: provvedere alla pulizia e all’igienizzazione quotidiana delle attrezzature prima dell’avvio delle operazioni di vendita; rispettare il distanziamento interpersonale di almeno un metro dagli altri operatori anche nelle operazioni di carico e scarico; in caso di vendita di abbigliamento, mettere a disposizione dei clienti guanti monouso, da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia la merce; in caso di vendita di beni usati, igienizzare e sanificare i capi di abbigliamento e delle calzature prima che siano messi in vendita e specificare, attraverso cartelli, che si tratta di merce usata.

Confermato il trasferimento del mercato cittadino del giovedì nell’area di piazzale Montelungo. Sempre nel rispetto di stringenti misure di sicurezza. Come la limitazione del perimetro esterno dell’area e gli accessi scaglionati in relazione agli spazi disponibili, per evitare il sovraffollamento e assicurare il distanziamento sociale.

Nel caso si rendessero necessarie, potrebbero essere valutate e ordinate ulteriori misure, quali corsie a senso unico, la segnaletica per favorire il distanziamento e l’allargamento dell’area del mercato. Vicini ma non troppo. —
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi