Otto anni dal terremoto: riaperto il municipio, via ai lavori alle scuole

Il sindaco Simona Maretti traccia il bilancio degli interventi. Approvato il progetto per le medie, finanziate le materne 

MOGLIA. Otto anni sono passati dal quel 29 maggio. Dopo la scossa di terremoto delle 9 del mattino, che causò il crollo parziale della chiesa parrocchiale e del municipio ma anche di numerosi edifici privati nel centro storico, viene istituita una zona rossa in attesa delle opere provvisionali su tali edifici. Viene inoltre allestito dalla Protezione Civile Regionale un campo di accoglienza che ospiterà circa 360 persone. Alla fine si contano danni per circa 104 milioni di euro; 570 abitazioni danneggiate, inagibili o distrutte.



Tra gli edifici pubblici inagibili, oltre a municipio, chiesa, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, palasport, centro polivalente Mondo Tre, cimitero, impianto idrovoro "Le Mondine", a Bondanello, inagibili la chiesa parrocchiale, teatro Italia, Museo delle Bonifiche, cimitero. Gli sfollati sono stati 900. Sono passati otto lunghi anni dalle terribili scosse che hanno messo in ginocchio il paese.



Il sindaco Simona Maretti ha fatto il punto sullo stato dei lavori: «Per quanto riguarda le opere pubbliche connesse al sisma 2012, il 2020 ha visto la riapertura del municipio ma vede anche proseguire l’iter di altri importanti lavori, come nel caso della scuola media di cui è stato approvato e validato il progetto esecutivo. La gara d’appalto sarà bandita dopo l’approvazione del consuntivo 2019 per la necessità sopravvenuta di integrare la spesa di 133mila euro per interventi non coperti dal finanziamento statale. Rispetto al progetto di rafforzamento della palestra, sono state inviate integrazioni richieste dalla Struttura Commissariale finalizzate all’assegnazione definitiva del contributo. Per i cimiteri è stato consegnato il progetto definitivo e si è in attesa del parere della Soprintendenza».

«Avanza anche l’iter relativo alle opere finanziate su “Avviso Pubblico”, quali la ristrutturazione della scuola materna di Bondanello, della scuola materna di Moglia ed il rifacimento di via Canova - prosegue il sindaco - dove sono state affidate la progettazione definitiva esecutiva e la direzione lavori e sono in corso di definizione rilievi e progetto definitivo; il ripristino dell’urbanizzazione primaria, dove sono in corso le verifiche da parte della Centrale Unica di Committenza sul potenziale aggiudicatario. Inoltre prevediamo il consolidamento degli alloggi popolari di Bondanello». —

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi