Contenuto riservato agli abbonati

Clima, sicurezza sul lavoro e straordinari: ecco i nodi del settore metalmeccanico

Il segretario Fiom mantovano Massari affronta la situazione del dopo lockdown con i rappresentanti sindacali nelle fabbriche

MANTOVA. Emergenza Coronavirus, sono diversi i nodi da sciogliere a breve e medio termine per i lavoratori delle aziende metalmeccaniche mantovane. Il segretario della Fiom Cgil di Mantova, Marco Massari, illustra la situazione che sta affrontando insieme ai rappresentanti sindacali presenti nelle fabbriche. Si va dalle richieste sempre più frequenti di straordinari per recuperare il gap di produzione originato dal periodo di lockdown, al problema imminente del clima caldo e delle condizioni di lavoro nel rispetto delle normative anti epidemia, fino alla questione dei controlli da parte dell'autorità preposta, senza dimenticare la dead line del 17 agosto con l'enorme punto di domanda su quel che succederà quando le aziende saranno svincolate dall'obbligo di non licenziare previsto nei vari decreti governativi...

Video del giorno

Il matrimonio di Paola Turci e Francesca Pascale: l'arrivo a Montalcino

La guida allo shopping del Gruppo Gedi