Nuova illuminazione a Suzzara con i 700mila euro di contributi regionali

La rete pubblica rimodernata con 164 punti luci a led «per migliorare la sicurezza su venti strade comunali»

SUZZARA. «I 700mila euro erogati dalla Regione Lombardia abbiamo pensato di investirli in un unico progetto: l'estensione della rete d'illuminazione pubblica con l'utilizzo di tecnologie per l'efficientamento energetico. Si tratta di 164 punti luce con lampade led per migliorare la sicurezza su 20 strade pubbliche distribuite tra la periferia suzzarese e le frazioni».

Così ha esordito il vicesindaco nonché assessore ai lavori pubblici Tazio Tirelli che in sala giunta ha annunciato come verrà investito l'importante contributo regionale. Per affrontare la Fase 2, post coronavirus. I fondi sono a disposizione dell’amministrazione comunale per opere pubbliche cantierabili entro il 31 ottobre. La somma spettante a Suzzara è contenuta in un fondo da 400 milioni di euro suddivisi tra i 1.506 Comuni lombardi in base alla popolazione, prima tranche di un pacchetto da 3 miliardi che la giunta regionale promette di mettere a disposizione della ripresa post coronavirus.

Questo l'elenco delle strade interessate dalle migliorie illuminotecniche: via Carrobbio, Treves e Mondolfo; rotonda viale Europa, via Pirotta; via di Dio; rotatoria ex Ss.62 della Cisa; via Fogazzaro; via Guicciardini e via Macchiavelli; via Pasine e via Montaldi; via Villa Inferiore; via Garcia Lorca; , via Mazzali, via Campogrande; via Pastore e via Andersen; via Neruda e via Rismondo.

«Invece di suddividere le risorse in tante opere pubbliche abbiamo ritenuto focalizzarle su un progetto unico dato che i soldi ci sono e sono già spendibili e sempre a vantaggio della comunità suzzarese. E' chiaro che eventuali opere pubbliche saranno poi finanziate dall'amministrazione comunale sulla base delle proprie risorse e grazie ai bandi futuri ai quali riusciremo ad accedere – ha continuato Tirelli – Lo stanziamento, in base alla Legge Regionale 9/2020 deve essere destinato a specifici ambiti di intervento tra cui sviluppo sostenibile, mobilità, messa in sicurezza di strade, scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale, abbattimento delle barriere architettoniche, riqualificazione urbana, illuminazione pubblica e risparmio energetico, edilizia residenziale, manutenzioni». Il provvedimento in giunta comunale è già stato votato all'unanimità ma è previsto un passaggio anche in consiglio nella prima seduta utile.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi